Sulle debolezze

Solo disordine crea ordine 

Sulle-debolezze
SULLE DEBOLEZZE

Tutti gli uomini su questo mondo sono uguali, nessuno è in vantaggio rispetto agli altri – nessuno è ‟ benedetto ” oppure degno di tutto da solo.

In ogni uomo si nasconde anche la tua essenza, il tuo problema, gioia, orgoglio e debolezza. Accettala in ognuno come la propria e ti sarà più facile. Quando ti trovi con qualcuno nella stessa essenza, debolezza diventa saggezza ed è così che sostieni la fiducia di te stesso necessaria per non iniziare a disperare.

Non difenderti, non ne vale la pena di tenere in serbo le debolezze. Dividile con tutti e non saranno più le tue. Dividendole permetti agli altri che hanno le stesse debolezze di riconoscere in te la stessa persona che sono loro. Allora i loro volti si illumineranno di gioia, simile ai bambini nello cortile comune della vita.

Soltanto disordine crea ordine. Se lo nascondi in te stesso, lo odi anche negli altri per cui non devi accettarlo. Non accettare il disordine altrui ti prende la fiducia e fede nella propria vita, e in conseguenza, fede di Dio.

Non c’è niente di male nel riconoscere il disordine in se stessi, visto che è la proprietà della vita – è tuo in quanto tu lo senti il tuo. In essenza tutto appartiene alla vita, per cui non preoccuparti di quello che hai. Dividi tutto con i prossimi e tra di voi ci sarà pace e tu sarai tranquillo perché non dovrai avere premura di cosa fare.

Per quanto cerchi di presentare agli altri la tua bella faccia, nascondendo gli errori e le debolezze, in realtà ti sobbarchi a loro inconsapevolmente. In nome della tua bella faccia oppure il tuo volere, loro potranno sfruttare te oppure i punti che vuoi nascondere.

È inutile cercare di esistere. Rinuncia alla tua bella faccia e alla tua esistenza e così non potranno sfruttarti.

Dove tu non ci sei, non possono esistere nemmeno gli altri. Così cadono nel burrone, visto che le tue spalle sulle quali vogliono appendere le tue debolezze non coprono la loro bella faccia – le loro debolezze.

Quando permetti di mettere tutto a posto suo, tu da solo ti trovi al posto giusto. Non preoccuparti come si chiama questo posto. Altri scopriranno il suo nome, aspetto e contenuto. Per alcuni non sarai niente, per altri sarai tutto.