Gerarchia naturale

ADAMO ED EVA – Dio rappresenta la sicurezza all’uomo, e l’uomo alla moglie

gerarchia-naturale
GERARCHIA NATURALE

La Bibbia dice che Dio creò Adamo. E poi dalla sua costola creaò Eva. Così è rapresentato simbolicamente il rapporto tra l’uomo e la donna, e il mistero fondamentale della vita e di Dio. In questo rapporto, Dio rappresenta un intero, l’uomo una metà uomo e la donna un quarto. L’uomo rappresenta la metà di Dio e la donna la metà dell’uomo.

Adamo ed Eva sono le metafore per il mondo oggettivo e soggettivo dell’uomo. La costola è una metafora per l’onda fondamentale o una combinazione di mondi oggettivi (effettivi) e soggettivi (virtuali). Così, Adamo ed Eva sono una metafora per tutto l’uomo, perché l’uomo (Adamo) è più attaccato alla realtà e obiettività, e la donna (Eva) alla virtualità o soggettività.

Secondo questa regola di base, Adamo è rivolto direttamente verso la vita e verso Dio (l’incognito primario della vita). Eva è legata a Dio o alla realtà indirettamente attraverso Adamo. Per questa legge naturale, tutte le personalità grandi del genere umano, che hanno scoperto delle nuove ere, erano uomini (tutti i grandi scienziati, tutti i grandi politici, tutti i grandi artisti e tutti i profeti).

Questa è la ragione che Eva era sempre l’esaminatore o il tentativo per Adamo.

E durante quel tempo, la donna era quella che testava l’uomo. Il simbolo dell’investigatore è un serpente furbo. Adamo dovrebbe essere abbastanza forte in ogni situazione, perché solo così dà a Eva un rapporto indiretto con l’ignoto della vita. Se Adamo ad un certo punto non è abbastanza forte, e si allontana dal Signore ad Eva, in quel momento Eva lo lascia. Era come se avesse detto: „Tu non sei abbastanza forte per darmi il contatto indiretto con l’ignoto della vita o la sicurezza di base.”

La donna stava ballando e con le competenze di Eva testava Adamo. Egli l’ha “accettato”, ed ha detto: “Io ti darò tutto quello che vuoi, se balli ancora una volta“. Era sicuro che può facilmente soddisfare ogni desiderio di Eva. Non aveva contato sulla sua intuizione, o che avrebbe cercato di tentarlo lì, dove è più vulnerabile – al punto che all’uomo di fronte alle donne conferma o revoca l’autorità di Adamo. Ha detto, “Dammi la testa Giovanni il Battista.”

Se l’uomo rimanesse nella sua posizione naturale di Adamo, avrebbe detto: “La testa è la testa.” “Portate la spada, e toglietela la testa.” In questo caso, Eva caderebbe in ginocchio davanti a lui e gli servirebbe fino alla tomba. Quindi, lui avrebbe mantenuto il rapporto con Dio, e che lei avrebbe un rapporto indiretto e la sicurezza in Dio attraverso Adamo. Il momento in cui si voltò verso di lei e la servirò, la regola oggettiva fu sottoposts a quella soggettiva, per cui ha commesso degli errori.

La gentesi sbaglia quando dice: “Anche nel più grande amore c’è un litigio.” Ogni rapporto personale tra l’uomo e la donna è una contraddizione completa o di opposizione. Ogni rapporto è un tentativo per Eva senza compromessi, al fine di raggiungere la sicurezza di base. A causa della sua natura, Eva tenta costantemente la fedeltà di Adamo alla vita. O di rimarrà fedele alla regola fondamentale della vita, o si rivolgerà a lei e confermerà il suo mondo soggettivo. Non appena l’uomo si volge verso la donna e si sottopone a lei, lui è morto per lei.

Quando Adam diventa un satellite di Eva, questo sarebbe simile alla situazione in cui il Sole girasse intorno alla Terra. L’uomo diventa una pantofola, così la donna non è più legata alla vita sconosciuta – Dio.

Chi possiede il peccato originale? Chi ha fatto il peccato originale di Adamo ed Eva? Adamo indirettamente attraverso Eva. Eva è solo la sua tentazione. Adam è colui che alla fine decide nel suo e nel nome di Eva e realizza il peccato, che essa provoca. Egli è colui che si allontana dal Signore – a Eva. Adamo è responsabile per la vita , ma allo stesso tempo, dall’intermediario, per Eva.

Quando si tratta del rapporto tra l’uomo e la donna, il principio maschio e quello femminile sono sempre in corto circuito. Quando in questo rapporto Eva ricatta la sua strada, e Adam dice: “No”, la donna con il principio di Eva può andare al coltello, se necessario. Anche se colpisce come un cobra, Adamo non deve abbandonare la sua direzione.

Quel momento, quando un uomo lascia la sua direzione e accetta la sua, la direzione è asimmetrica, e perciò Eva si perde. Quando Eva va nella direzione impostata da Adamo, anche se è costretta a farlo, la direzione è contraproduttivo e produce la sicurezza. Nel caso contrario, la sua sicurezza scompare. Pertanto, si dice, “Ho fatto tutto quello come voleva, ma tuttavia se n’è andata da me.” Normale.

Sullo stesso principio funziona il rapporto tra genitori e figli. Non importa quello che è, ma è importante solo che i bambini non diventano più grandi dei genitori. I bambini devono sempre rimanere in una posizione subordinata. Quando i genitori diventano i compagni con i bambini, perdono la loro autorità naturale, ed il bambino perde la sua sicurezza subconscia fondamentale.

Qual è la ragione di una drastica riduzione del tasso di natalità e il drastico aumento dei divorzi? Il problema è che le Eve fanno un premuto, il ritmo è troppo forte e gli Adami perdono i loro nervi. Così le Eve li lasciano di massa. Non importa il motivo per cui Adamo consente. Anche se consente per la pace, allo stesso tempo il rapporto si perde.

Fino a quando Adam è abbastanza forte, Eva non pensa quanti bambini nasceranno. Quando lui si rivolge verso di lei e si sottopone, lei comincia a pianificare le nascite.

Pertanto, l’uomo è eternamente in debito con Dio. Indipendentemente dal suo rapporto con la persona con cui vive – nonostante che guadagna o perde – deve servire alla regola naturale.

Gli uomini che regolarmente si soggettano alle donne, secondo questa regola, tutta la sua vita rimangono da soli, perché consentono sempre al  suo principio e non possono sopravvivere come Adamo e presentare la sicurezza di base alla donna.

Non appena il rapporto è tradotto dal livello impersonale o obiettivo al livello personale o soggettivo, una donna non è bilanciata nel principio di base, quindi, si sente persa. È in bilancio solo quando il suo Adamo è rivolto verso la vita. In caso contrario, questo è un mondo piccolo o un principio autonomo, in cui Adam non ha nessuna possibilità.

Eva è l’nvestigatore permanente di Adamo ed a tal fine non sceglie i mezzi. Questa è la ragione per cui la donna si trucca naturalmente, si veste provocamente e così via. Quando non accetta la ragionevolezza – la subordinazione fisica ad Adamo – cerca di raggiungere il suo scopo con gli istinti. Con tutti i mezzi cerca di animare Adamo.

Gli Adami sono costantemente sfidati se mantenere un rapporto con la vita e, quindi, presentare la sicurezza di Dio alle Eve. Eva avrà sempre una tendenza di abbastanza forte Adamo. Mai per quello che può facilmente voltare verso sé stessa. Quello Adamo va respinto come un mozzicone. Anche se è fisicamente ancora con lui, il rapporto è capovolto, in modo che tra di loro scompare il fluido o il senso di base, che è una condizione per la vitalità del rapporto.

Lui, che per tutta la vita non riuscirà a voltare, le sarà permanentemente attraente. Tuttavia, sempre rimane una contraddizione di principi e quindi una tensione costante. Nel momento in cui una donna non si sente sufficientemente sicura, inizia a mordere. Siccome Eva lavora sotto la regola dell’animazione o astrazione, Adamo è costretto a trovare un equilibrio e deve agire in conformità con il principio di logica o con di soluzioni di logica.

Così come i poli opposti si attraggono il principio maschile e quello femminile. Il principio astratto ed il principio della logica. Solo un principio così astratto può dipingere o dare il contenuto al principio di logica.

L’astrazione è un prerequisito per l’intuizione, ma Eva cambia la logica con l’intuizione. Questo è un sparatutto libero esatto. Secondo la regola naturale, le donne cercano la sicurezza negli uomini in cerca, e gli uomini l’impegno nelle donne. Così sono collegati il principio maschio e femminile.

Tempo d’oggi 

Oggi, gli uomini sono diventati deboli. Preferiscono ricrearsi e costruire una carriera, che realizzarsi in un rapporto personale. È la stupidità umana, perché come spuoi realizzarsi su una bicicletta, se non è puoi in un collegamento naturale.

L’uomo che lavora su sé stesso e cerca di vivere in modo sano e corretto, in conformità con la legge naturale, non è attraente alle donne. Secondo la legge naturale o inconsciamente, le donno sono attratte da uomini sbagliati – uomini che hanno il coraggio. L’uomo deve essere un cavaliere, deve essere un combattente con i venti del destino. E il numero di divorzi è in aumento a causa della debolezza degli uomini.

Il genere maschile è più vulnerabile e gli uomini cadono nelle prove naturali. La regola naturale dice che un uomo dovrebbe rimanere sempre doppio rispetto alla donna. Non deve addattarsi alla donna, che rappresenta la metà di lui, ma deve insistere sulla sua posizione, che è pari a due della donna, in modo che la donne può fare l’unità con l’uomo. 

Le donne giocano con la moda, il trucco ed i gesti tutto il tempo e se ne servono come mezzo per testare gli uomini. In realtà, non sono soggette a questa cultura. In sostanza, sono ancora solo le donne che fanno uso di questi mezzi. Il problema è che gli uomini sono soggetti alla propria cultura. Diventano apparentemente calmi, culturali e intellettuali, e quindi innaturali. Così, le donne in questo tempo rimangono esseri molto più naturali rispetto agli uomini.