Fatalmente

L’uomo può dominare solo i propri sogni, il mondo reale mai

Fatalmente
FATALMENTE

L’uomo moderno non rispetta più niente e nessuno. Pertanto, non si lascerà più guidare ne da Dio né dall’uomo. Così l’uomo come anima o individuo si è completamente perso. E’ diventato parte della massa senza anima, come uno stormo di uccelli spaventati che volano dove sono portati dall’attuale corso della legalità. Quando l’uomo perde la sua fede e la fiducia, cerca solo la sicurezza comune della folla: “Perché tutti lo fanno, lo farò anch’io.”

A quel punto la gente si identifica con loro simili. Si formano stormi bianchi e neri, che non sanno ne verso dove ne dove, e non hanno neanche un posto dove andare. Perché stormi volano istintivamente e nulla più con ragione, lì vi è fine di apprendimento. Relazioni sono diventate infinite, il confronto non c’è più, l’uomo è uguale all’uomo solo sullo stesso percorso.

Per le persone sono cose predestinate quelle di cui non è a conoscenza. A proposito di eternità decidono reazioni istintive che inconsciamente lo sorpassano. Sono predestinate perché lo sorpassano per sempre.

La specie umana ha vissuto nella convinzione di padroneggiare il mondo intorno. Così non è stato mai, e non sarà mai. Ha padroneggiato solo i propri sogni, e per tutto il tempo era sicura che il mondo delle sue esposizioni è fattuale. Pertanto, l’errore è grande.